Edificato alla fine del XIII secolo dalla famiglia Chiaramonte, il più influente casato nobiliare dell’epoca in Sicilia, il Monastero di Santo Spirito è uno dei siti monumentali più preziosi del centro storico di Agrigento. Attraversando il portale, un suggestivo corridoio a cielo aperto vi condurrà al chiostro con il suo delizioso giardinetto. Lì, immersi in una quiete quasi irreale, potrete ammirare la facciata dell’Aula Capitolare con le sue raffinate bifore e portali a ogiva, la Cappella che all’interno mostra ancora parti delle strutture architettoniche originarie, e il Refettorio. I superbi archi del Monastero di Santo Spirito sono in stile “chiaramontano”, uno stile che riassume gli ordini architettonici e artistici normanno-svevi. I motivi a zig-zag, detti bâtons brisés e le colonnine ornate con motivi vegetali ricordano lo stile normanno, mentre l’austero arco a  sesto  acuto richiama lo stile gotico-svevo.

I Chiaramonte erano nobili d’origine normanna e vicini alla dinastia Sveva. Una dinastia nella quale il casato normanno era confluito dopo il matrimonio fra Enrico VI di Svevia, figlio di Federico Barbarossa, e Costanza D’Altavilla, figlia di Ruggero II. Unione dalla quale nacque Federico II, detto “stupor mundi” per le sue eccelse doti di mediatore fra le diverse civiltà in Sicilia, sapiente amministratore e illuminato mecenate. Forse  con questo originale stile architettonico, che da loro prende il nome, i Chiaramonte volevano ricapitolare i valori, la storia della dinastia Normanno-Sveva di cui si sentivano parte ed eredi. Al primo piano del Monastero troverete gli ambienti del Dormitorio e alcune Sale affrescate che ospitano una splendida esposizione museale di frammenti ceramici e lapidei dall’antichità al medioevo e, in parte, di età moderna.

La cosiddetta Sala della Badessa o della Torre ospita un grande e suggestivo crocifisso ligneo del ‘400. Al piano superiore potrete visitare la sezione etno-antropologica del Museo Civico dove si conservano oggetti e arnesi in uso nella Sicilia del secolo scorso. Aggirandovi fra i sontuosi ambienti di questo monumento vi potrebbe capitare di sentire soavi odori: ancora oggi, in una area del complesso, il Monastero accoglie un gruppo di monache cistercensi che alternano la vita di preghiera alla preparazione di dolcetti alla mandorla, al pistacchio e del raro “couscous dolce”: un antico dolce a base di pistacchio, frutta secca, frutta candita e spezie preparato secondo una ricetta segreta tramandata a voce fra una suora e l’altra attraverso i secoli.

Informazioni turistiche
Queste informazioni sono puramente indicative poichè suscettibili di variazioni

Il Chiostro, le sale e i piani visitabili del Monastero di Santo Spirito costituiscono la sede del Museo Civico di Agrigento.

Aperto dal Lunedì al Venerdì solo la mattina dalle 9:00 alle 13:00.

Martedì e Venerdì aperto dalle 15:00 alle 18.30.

Biglietto Monastero di Santo Spirito: l’ingresso al Monastero di Santo Spirito è di € 4 a persona.

Monastero di Santo Spirito: contatti per informazioni e prenotazioni visite, anche in orari o giorni diversi da quelli indicati.

tel. +390922590371

tel. +390922590342

Monastero di Santo Spirito, Piazza Santo Spirito, 9 – 92100 Agrigento

Le coordinate sotto riportate individuano il Punto d’Interesse da visitare

GPS
N 37° 18' 40.54''
E 13° 35' 0.82''

Google maps
37.31126, 13.58356

loading...