MUseo archeologico regionale di
Agrigento


Il Museo Archeologico è situato sul poggio di San Nicola: un promontorio da cui si gode una magnifica veduta sui Templi e il mare. Qui sorgeva l’agorà superiore della città antica e in epoca medievale fu edificato un monastero cistercense. Dell’antico convento, il Museo ha incorporato il Chiostro e alcuni ambienti realizzando un’ armonica fusione tra antiche fabbriche e moderne strutture. Gli oltre 5000 reperti custoditi al suo interno sono esposti secondo un criterio scientifico che accompagna il visitatore, passo dopo passo, alla scoperta della storia del territorio agrigentino: dalla preistoria fino alla fine dell’età greco-romana. Il Museo si articola in diciotto sale e due sezioni complementari: la sezione dedicata ai reperti della città di Agrigento (dalla Sala I alla Sala XI), e la sezione dedicata alla archeologia del territorio (dalla Sala XII alla Sala XVIII).

Tra le tante meraviglie esposte spiccano: la collezione vascolare con decorazioni ispirate a motivi epici e mitologici, il colossale Telamone posto nella Sala dedicata a Zeus Olimpio, l’Efebo di Agrigento, i sarcofagi greci e romani, quest’ultimi spesso impreziositi da superbi bassorilievi, e i raffinati mosaici pavimentali di domus romane. Il giardino del Museo si è negli ultimi anni abbellito di sculture in bronzo di G. Wyatt dedicate al filosofo agrigentino Empedocle. Oltre ad essere un illustre filosofo, Empedocle fu anche un fine uomo politico e guidò negli ultimi decenni del V secolo a.C. la fase democratica di Akragas. Ai lati dell’edificio del Museo si trova ciò che resta dei luoghi dell’assemblea cittadina: a sud, la cavea dell’ Ekklesiasterion, a nord il Boulèuterion.

Alla Boulé spettava l’iniziativa legislativa, ovvero formulare le proposte di legge da sottoporre poi al voto della Ekklesia: l’assemblea generale cittadina. Sulla cavea dell’ Ekklesiasterion insiste un tempietto di età romana (I sec. a.C.) detto impropriamente “Oratorio di Falaride”. La funzione di oratorio la ebbe forse nel medioevo per la sua contiguità alla Chiesa di San Nicola. In età imperiale tutta la zona fu sottoposta ad una ampia riorganizzazione. Nell’area antistante il Boulèuterion si conservano i resti di un Tempio Romano su podio, attorniato su tre lati da un ampio porticato, vicino al quale sono state da poco rinvenute delle statue di togati romani, esposti lungo la via sacra nella Valle dei Templi. La presenza di questo Tempio in prossimità delle signorili abitazioni del Quartiere Ellenistico Romano conferma l’importanza che tutta la zona ricoprì in età romana: era questo l’epicentro urbano dell’antica Agrigentum.

Informazioni turistiche area archeologica
Queste informazioni sono puramente indicative poichè suscettibili di variazioni

Il Museo Archeologico Regionale “Pietro Griffo” è situato accanto alla Chiesa di San Nicola e di fronte al Quartiere Ellenistico Romano.

Nell’area d’ingresso troverete i seguenti servizi: Parking, Ticket, Bus, Informazioni

L’accesso al Tempio Romano è consentito solo in alcune giornate, a piccoli gruppi, e in alcuni casi sotto autorizzazione da parte del Parco Archeologico.

Aperto dal Lunedì al Sabato dalle 9:00 alle 19:00

Domenica, prefestivi e festivi: dalle 9:00 alle 13.00

Il Tempio Romano è aperto al pubblico nei giorni di Lunedì Mercoledì Venerdì dalle 9:00 alle 12:00

Biglietto Museo Archeologico:  € 8 a persona.

Esenzione solo per i minori di anni 18. Riduzioni del 50% per i cittadini dell’Unione Europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Biglietto Cumulativo:

Valle dei Templi + Museo Archeologico = € 13.50 a persona

Tempio Romano: accesso libero nei giorni previsti di apertura al pubblico

Museo Archeologico : contatti per info istituzionali .

Tel. +39 0922401565

Fax  +39 092220014

Coop Culture -Biglietteria : contatti per ticket e informazioni

tel. +39 09221839996

Le coordinate sotto riportate individuano il Punto d’Interesse da visitare

GPS
N 37° 17' 48.52''
E 13° 35' 22.89''

Google maps
37.29681, 13.58969

loading...